top of page
Facebook Cover Photo.png
  • Alessandra Corbetta

Nota di lettura a "Giornale di un poeta (Ephemera)" di Daniela Frignani

L’ultima pubblicazione in versi di Daniela Frignani, uscita per la collana Scilla di Samuele Editore a maggio 2022, è un’opera che accoglie un guanto di sfida difficilissimo da potere conquistare e cioè il raggiungimento di un equilibrio tra poesia, intesa come arte della parola ma anche come ponte verso la trascendenza, e la vita, esistenza che si dispiega nel qui e ora. Questo intento coraggiosamente utopico si disvela già a partire da titolo e sottotitolo, Giornale di un poeta (Ephemera), con i quali Frignani si pone in una precisa prospettiva di osservazione: se, da un lato, la scrittura poetica contribuisce a tenere traccia, a dare delle coordinate precise entro cui muoverci e trovare di conseguenza un senso, essa diviene anche testimonianza dell’effimero, di ciò che etimologicamente non dura più di un giorno. Siamo di fronte a un confronto serrato con lo spazio di mezzo, quello dove è inevitabile fare i conti con l’assenza, altro nucleo fondante di questo lavoro, perché la costituzione dell’esistente passa anche da un processo di sottrazione, dove quello che manca contribuisce a dare la misura di ciò che invece si palesa, prende forma e corpo. E intorno alla corporeità si crea un ulteriore snodo poiché, sebbene quella di Frignani sia distante dall’essere una raccolta inseribile in quel filone di molta poesia contemporanea che nel corpo rinviene il capro espiatorio per smuovere un’analisi della società o del proprio paesaggio interiore, la matericità, il farsi carne e atto tracciano una invisibile linea divisoria tra il restato e l’andato, dicotomia irrisolvibile ma capace di mantenere una tensione generativa.

Frignani non cede alle lusinghe di una realtà fattuale limitante e limitativa ma neppure evita di prendere una posizione, permanendo in una dimensione che potremmo dire di virtualità; la strada che l’autrice sceglie è raffinata e profondissima al tempo stesso, dal momento che il suo sguardo e, con esso, la sua parola poetica, si gettano in un altrove visibile solo a chi ha la forza di assumersi il rischio di provare a osservare quello che non c’è e da lì costruire una strada altra, di virtù e di visionarietà.



26 ottobre


Chi ti può svelare se non io

giacché mi hai svelata

nel gioco che ci stringe


i tuoi eccessi, vedi

sono fame di equilibrio

i rifiuti insicurezze

l’eloquio prega attenzione

quel che concedi – non sai –

ti doni


combattiamo

ma abbiamo già vinto

entrambi giocando

tu hai fatto il lavoro migliore

lasciando l’opera incorrotta.


15 marzo


Automatica la vita

non avverto sangue scorrere

galassie allontanarsi

collassare,

dappresso la luce

non mostra ombre


sopra di noi

un cielo di fuoco infinito

dove nascono le stelle

bruciano la loro vita e muoiono,

dentro di noi

la fiamma del plasma.


22 agosto


Quante cose vorrei dirti ancora

non le capiresti

e quel che comprendi

domani l’avrai già scordato


ogni volta ricomincio

da niente


ceneri di un amore consumato

e un’ora di mezzo sole

fuori dal tempo ordinario

è finita l’estate.


Daniela Frignani, nata nel 1963, ferrarese, si occupa di assistenza alla persona. appassionata di cultura astrologica, fa parte della maggior associazione italiana del settore (CIDa). Nel 2014 inizia a frequentare Itaca, la scuola di scrittura di Roberto Pazzi, partecipando a due antologie (Verso Itaca e Oltre Itaca, Faust Edizioni). Nel 2018 pubblica la sua prima raccolta di versi, Stella vespertina (Cultura e dintorni Editore) con prefazione di Roberto Pazzi.

24 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page