Facebook Cover Photo.png
  • Alessandra Corbetta

Gli inediti** di Alessandro Codazzo

Alessandro Codazzo procede, in questi inediti, per vivide immagini giustapposte, nelle quali la presenza/assenza di suono è filo rosso che tiene insieme. La dimensione sonora si esplica anche nel frequente richiamo al respiro, che si fa fiato, sospiro e che designa quell’afflato poetico che per Codazzo non è mai grido, ma sempre voce flebile e ferma al contempo, e da cui apre una riflessione profonda sul senso dell’esistere, in movimento tra quello che c’è e quello che non c’è.


Strada


I


Nella testa tieni strette le parole

imparate lette in un libro di scuola,

e non hai tempo di fermarti a bere seduto,

fai come un andare corto da birra

e avanzi, sistemando la sciarpa. Ecco, cos'è

che le tue gambe dicono non lo leggi in chiunque,

hai un'urgenza da cavallo e la gola ti affanna,

e devi alzare il passo, andare più forte.

Pensi sia un buon morire vivere

di faccia a tre nuove parole

in bocca. Mille auto. Tu respiri, respira.

II


Cos'è la nebbia infilzata nelle tempie

e i talloni duri del camminare, è il quarto

fra le crome, la morte lucida del colore.

Sei fermo su di te piangendo, troppo a lungo

qualcuno ha saputo senza dire, pensi

ego vos absolvo e con voi io per primo.

Torni a casa dal tragitto di mezz'ora,

chiudi tutto fin sull'abbaino, metti l'ultimo

pigiama e dormi a lungo, molli mille

ragioni ad uno per nascere vivo.


*


Sarà il cielo a congelarvi

​in un passo, mentre correte.

L'azzurro fuori che piango

quando posso, e mi inginocchio.

E non si avranno cure, o diete

di alghe, guarderete il cielo perché

potrete. C'era qualcosa da accudire, un sospiro

d'abbandono, e non lo abbiamo mai passato

sotto il naso, come si fa con un sigaro

per capire se è buono. Piangeremo

per il tempo che bastava,

che pensavamo non ci fosse per guardare

l'aria. Non conosco neanche il nome

delle piante, per dirle come si fa vivere

chi chiami ogni momento - quando ami,

se anche avesse un nome questo cielo

dalla gola lo strappò un vento.


*


È passato qualcosa da qui

d'insperato, un fiato. Sono

in pochi a vederlo. Ha fatto

di me e te che ci sfioriamo

tutto un sentirsi nelle cose,

per un attimo. E questo

accordo di nona vibrato

dal bordo di qualche dito,

prima non c'era, fu di qualcuno.

È passato qualcosa da qui

che non abbiamo visto,

un battimani di luci, un'orchestrina

di gitani sui loro carri ubriachi,

e nel tempo di un saluto

l'attimo cambiò tutto,

ce lo si leggeva in faccia.

E fu qualcosa potersi toccare,

chiederne ancora ad un passo da lì.


*


Dire meglio ogni giorno -

ogni giorno più indietro -

l'orecchio vicino al binario,

la mano che preme alla tua linea

alba. Avere la grazia d'assortirsi,

o dire in più lingue quel che manca

in paradiso che è solo qui. Il buio

di parola che non ti fa,

partorito da questa terra

e da nessun'altra; se avessimo

in gola le lingue dei santi,

non saresti già tu, ma cosa

di qualche ieri che ricordiamo.

Ho atteso dietro ai vetri il mio silenzio

di neve che bruciava dentro al naso

quando sbattevi i piedi sullo zerbino;

vedi come il tuo spazio sia la mia parola

che si ritrae che continuo a dire.

Padre nostro, che sei lì


** I testi fanno ora parte della raccolta "Con la forza in qualcos'altro" (Capire Edizioni, 2021).


Alessandro Codazzo (Galatina, 1998) è studente di Filologia e tradizione classica all’università Bologna. Frequenta il centro di poesia contemporanea di Bologna.


81 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti