Facebook Cover Photo.png
  • Alessia Bronico

Commento a "Historiae" di Antonella Anedda

In Historiae (Einaudi 2018) Antonella Anedda perlustra gli spazi del mondo, siano essi artificiali o naturali, in modo accurato, dimostrando profonda e dolorosa adesione alla realtà. Historiae è anche il luogo della memoria, delle memorie che stanno sulla pagina con levità e grazia, senza mai mancare di nitore, tipico tratto della sua scrittura. Historiae è racconto biografico e della comunità. Non esiste solo ciò che la poetessa sente, esiste anche ciò che guarda, non tutto è vagliato esclusivamente dall’emotività. Le storie, qui, sono stratificazioni di sguardi, paesaggi multipli che attendono d’essere scoperti. Temi ricorrenti sono la malattia e la morte narrati dall’io che di fronte alla disgregazione sopravvive ricomponendosi: «tutto si perde / e torna in altre forme». Siamo di fronte a una poesia diretta e sincera che emerge dal silenzio dei tempi e si consegna a chi legge con realismo essenziale, necessario.



Anatomia


Dice un proverbio sardo

che al diavolo non interessano le ossa

forse perché gli scheletri danno una grande pace,

composti nelle teche o dentro scenari di deserto.

Amo il loro sorriso fatto solo di denti, il loro cranio,

la perfezione delle orbite, la mancanza di naso,

il vuoto intorno al sesso

e finalmente i peli, questi orpelli, volati dentro il nulla.


Non è gusto del macabro,

ma il realismo glabro dell’anatomia

lode dell’esattezza e del nitore.

Pensarci senza pelle rende buoni.

Per il paradiso forse non c’è strada migliore

che ritornare pietre, saperci senza cuore.


da Historiae (Einaudi 2018)

48 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti