top of page
Facebook Cover Photo.png
  • Immagine del redattoreAlessia Bronico

Commento a "Cronache di fine occidente. La collina del Dingh" di Antonio Alleva

In Cronache di fine occidente. La collina del Dingh, Puntoacapo 2023, Antonio Alleva ci presenta

due libri, così come si evince dai titoli. In Cronache il poeta mostra il declino dell’Occidente e nella prefazione Gattoni scrive: «Antonio Alleva ci consegna un messaggio forte e chiaro: abbandonare la contesa, conquistare, anzi fondare una terra d’esilio». Nel secondo libro la collina diventa il nuovo luogo di osservazione, il luogo da cui lasciare alle spalle la rovina e tracciare strade vergini. Vie nuove sono costruite attraverso un uso della lingua musicale, mezzo con cui il poeta si fa testimone di rinascite.


Antonio Alleva, Copertina, Alma Poesia

Llu bivjie [versione in lingua madre dell’autore]


O Batì t’arcurde llu bivjie?

Iahème a pite faceve calle

lu calle crëlleve e cë mëttò n’giambanelle:

a sënësctrë o a desctre?

Pë n’ammonde o pë n’abballe?

Giustamende cë fërmimme nu mumende,

ci‘alluchimme sotte a lla lëve, bëvimme,

arraggiunimme Batì, arraggiunimme

ma n’arscimme arcapà lla fazze:

allore facimme capà all’anëmë a la maravëjë

a la giuvëndù

e cë lu sa Batì së sbajmme, o së ci’azzëcchimme.


Quel bivio [versione in italiano]


O Batì, ricordi quel bivio?

Andavamo a piedi faceva caldo

il caldo scrocchiava e ci confuse la mente:

a sinistra o a destra? in su o in giù?


Giustamente ci fermammo un momento,

ci sedemmo sotto a quell’ulivo, bevemmo,

ragionammo Batì, ragionammo

ma non riuscimmo a trovare il bandolo:


allora lasciammo che scegliessero l’anima la meraviglia

la gioventù

e chi lo sa Batì se sbagliammo, o azzeccammo.


da Cronache di fine occidente-La collina del Dingh (Puntoacapo, 2022)

Post recenti

Mostra tutti

Comentários


bottom of page