• Alessandra Corbetta

Nota di lettura a "Il punto nascosto" di Raffaella Massari

De Il punto nascosto (Puntoacapo Editrice 2020) di Raffaella Massari mi preme da subito sottolineare due aspetti: il primo è la versificazione fortemente calibrata, nel suono e nella scelta del lessico, per la quale viene privilegiata dall’autrice una resa finale scarna, ridotta all’osso; il secondo è quello di avvalersi di tale struttura, così ponderata, per descrivere l’inenarrabile, e cioè il cerchio della vita, dal suo schiudersi fino al tratto estremo. Già la suddivisione in tre parti dell’opera, e la ripartizione in sezioni per ciascuna di esse, lascia intravedere con chiarezza la necessità di voler ricorrere a uno scheletro poderoso, che allontani ogni ombra di fragilità; in effetti Massari traspone sul piano formale il suo bisogno di reagire con vigore alle vicissitudini dell’esistenza, non lasciando nulla di intentato o privo di una possibile spiegazione. Così gli schiamazzi nelle estati della giovinezza, tra il mare e le falesie dei luoghi natali, fanno da contrappunto alle dipartite dei propri cari e agli amori finiti dell’età adulta. Massari intesse una trama, che è prima di tutto intreccio di fili, per rendere meno doloroso il trauma dei cambiamenti, lasciandolo sospeso tra ferita e sogno e collocando il punto nascosto nelle assenze, come se dal vuoto-vuoto tutto potesse rigenerarsi e ripartire. Appresa dalla nonna, la tecnica di cucito che titola la raccolta diventa ombelico geografico e familiare, dal quale tutti i legami hanno origine e al quale si deve per forza fare ritorno poiché, come nella pellicola Il filo nascosto di Paul Thomas Anderson a cui ho pensato in riferimento alla metafora scelta da Massari, è nella dedizione, nella cura attenta e continuata, la vera arma contro l’incedere veloce del tempo, e dell’amore, che continua a esserne sua implacabile misura.



Sentinelle all’alba

delle cime di Durazzo

quando dal mare fermo

e a cielo terso

sembravano apparire dal nulla

all’orizzonte.

E noi ragazzi

fermi ad osservare

l’irraggiungibile sponda.

Ci raccontavamo di navi

di guerre, di spie e sottomarini

E mai e mai una volta li immaginammo

vivi.


*


Perdi geografie di affetti

lasci al tempo

i tira e molla del caso.

Pendolare resti

tra un presente e un altrove.

Non è per tutti

la fine delle cose.

MERCANTI IN FIERA

Tutte le paure danzano.

Quadriglie di parole disallineate si sperdono

confuse e mal dirette.

Alla tavola siedono annoiati gli ospiti.

L’ospite ha finito il vino e non trova che

a chi darne colpa.

Nessun miracolo è previsto.

Nulla accade per caso, nulla due volte.


Raffaella Massari, nata a Lecce nel 1962, vive a Milano, è sposata e ha una figlia. Dopo gli studi in Legge ha diretto le pubbliche relazioni in una società milanese, successivamente è stata titolare di un suo studio immobiliare. Attualmente è iscritta alla facoltà di Lettere Moderne ed insegna in una scuola primaria. È autrice di testi di poesie, aforismi, racconti brevi e filastrocche per bambini. Le sue poesie hanno ricevuto diversi riconoscimenti, tra cui i Premi nei concorsi Liliana Segre 2018, I Territori 2018, Il Sublime 2018 (per la silloge All’Ombra della falesia) e il Premio Speciale Ossi di Seppia 2019 (per la silloge Dal libro mastro del distacco, qui incluso), premio Zeno 2019(4^posto) e il Gran Premio Assoluto della Giuria Ossi di Seppia 2020. Poesie e aforismi pubblicate in antologie e riviste, tra cui l’Enciclopedia di poesia contemporanea Mario Luzi Vol. 6/2015 e Vol. 8/2018 (Ed. Fondazione Mario Luzi) e la rivista Euterpe n.27.

75 visualizzazioni

Alma Poesia © 2019

Founder: Alessandra Corbetta