• Alessandra Corbetta

Gli inediti di Federica Gallotta

La poesia di Federica Gallotta ha il merito di riuscire a esprimere una profonda visceralità senza cadere nel patetico né avvilupparsi intorno a un’autobiografia sterile della sua singolarità. In effetti, sebbene permanga il riferimento al sé e a esperienze che lo riguardano, l’identità messa in gioco da Gallotta non è mai il contenitore di un io monade, quanto piuttosto la cornice per un mosaico di io, nel quale, come nella casa degli specchi, immagini reali si sovrappongono a deformazioni illusorie del contingente, lasciando insoluto il quesito relativo alla verità. Del resto Gallotta è consapevole dell’insolubilità del mistero e, con i suoi versi, ce ne restituisce lo stupore, attraverso le domande, il ricordo, la luce.

Forse è perché il mio nome non ha mitologia non tiro frecce né dono il filo, col mio ho tessuto inganni misti


a parole. Mi dissolvo come Eco che guarda chi non la vede né la ascolta andare via. Anonimia è il mio cognome.

***


Per le vie case sgarrupate. Fuori gli orti qualche albero potato e frasche e ciottoli a segnalare che mette un limite l’uomo al suo lavoro faticoso.


La notte le lucciole sempre più poche, da piccola - ricordi? ne vedevamo tante. Metterne una o due in un barattolo (il tappo forato) era un crimine commesso – non pensato – in nome della scienza e per tua figlia, per farla contenta. Nessun rimorso allora à la vispa Teresa.


La notte due lanterne naturali sulla sedia. Non pensavo all'omicidio del mattino successivo. Hic et nunc alle spese delle creature e chissà quante grida a intermittenza

per i più sensibili: codice Morse. Anni a cui ripenso dopotutto come un gesto immenso d’amore. Dio ci avrà senz'altro perdonati.

***

Ma se a tutti – ragiona – racconti i tuoi sogni, sopra quale monte inaccessibile rimane il mio girasole?


Sembrava cosa buona avvicinarlo alla luce. Ora da lì solo osserva e si brucia. A ragione prega qualche nuvola di passaggio.

***

Ph. Officina Visiva

Federica Gallotta nasce il 13 luglio 1990 a Tarquinia, cittadina sul mare in provincia di Viterbo e da tre anni vive nel capoluogo, dove ha trascorso gli anni universitari.

Nel 2017 consegue la laurea magistrale in Filologia Moderna all’Università degli Studi della Tuscia di Viterbo e attualmente insegna italiano in una scuola di Tarquinia.

A novembre del 2017 pubblica presso Giuliano Ladolfi Editore la raccolta di poesie Altri nuovi giorni d’amore. Sue poesie sono state pubblicate su riviste e antologie; scrive di poesia per la rivista online Shockwave Magazine.

175 visualizzazioni

Alma Poesia © 2019

Founder: Alessandra Corbetta