Facebook Cover Photo.png
  • Claudia Piccinno

I Ponti di Alma: Borce Panov

La lingua, in tutte le sue accezioni semantiche, grammaticali, morfosintattiche è l'indiscussa protagonista di questi versi di Borce Panov che io ho scoperto nella traduzione inglese effettuata da Daniela Andonovska.

In ogni componimento emerge la grande passione del poeta, esimio cultore della parola poetica, tanto da aver fondato e ampliato (invitando autori stranieri) un festival di poesia nella sua città natale: Radovish, in onore di Aco Karamanov. Egli rivendica per la poesia un ruolo di prim'ordine (metafora del lupo), ne sottolinea il valore creativo (metafora dell'acqua impastata all'argilla) e l'affianca al linguaggio come prerogativa di una civiltà che fiorisce e si sviluppa secondo valori universalmente riconosciuti.

I testi qui tradotti saranno a breve editi nella raccolta in inglese The window of Babel.


GOD LIKE AN ABSTRACT NOUN


clay and water dry fast

and time would pass through you brutally

yet a breath is what is needed

to keep it and to turn it into you

time is time when it is a personal noun

God is an abstract noun

clay and water are concrete nouns

breath is abstract too

it is concrete only when it gets misty on the mirror

to indicate that you are alive

and if you are not, then it is more abstract than death itself

concrete nouns cannot even die without the abstract ones

nor can think or feel without them

nor will know what day it is on the calendar

or in what season

lexis is blooming and ripening on bitter fruits

clay and water will dry fast in the languge

in which God

would be an abstract noun


DIO COME UN SOSTANTIVO ASTRATTO


argilla e acqua si asciugano velocemente

e il tempo passerebbe attraverso di te brutalmente

eppure è necessario un respiro

per conservarlo e per trasformarlo in te

il tempo è tempo quando è un nome di persona

Dio è un sostantivo astratto

argilla e acqua sono nomi concreti

anche il respiro è astratto

è concreto solo quando si appanna sullo specchio

per indicare che sei vivo

e se non lo sei, allora è più astratto della morte stessa

i nomi concreti non possono nemmeno morire senza quelli astratti

né puoi pensare o sentire senza di loro

né saprai che giorno è sul calendario

o in che stagione

il lessico fiorisce e matura su frutti amari

l'argilla e l'acqua si asciugheranno velocemente nella lingua

in cui Dio

sarà un sostantivo astratto


WOLF


poetry is just like my little dog

when she is happy she rears up on her hind legs

and she is howling with a hoarse voice to make me remember

that she used to be a wolf

I used to be a cave man


2.


poetry has a growling stomach

but she never shows that she is famished

the most important thing for her is

to jump on the empty chair

and to be a part of the family around the dining table


LUPO


la poesia è proprio come la mia cagnolina

quando è felice si impenna sulle zampe posteriori

e ulula con voce roca per farmi ricordare

che era un lupo

quando io ero un uomo delle caverne


2.


la poesia ha lo stomaco che brontola

ma non mostra mai di essere affamata

la cosa più importante per lei è

saltare sulla sedia vuota

ed essere parte della famiglia intorno al tavolo da pranzo


UNIVERSAL LANGUAGE


every day

I stumble over the pebble

that I keep under my tongue

a little pebble like the apple seed

I inherited

from the expulsion from Eden

we left the paradise

with the language of serpents


LINGUAGGIO UNIVERSALE


ogni giorno

inciampo nel sassolino

che tengo sotto la lingua

un piccolo sassolino come il seme della mela

che ho ereditato

dalla cacciata dall'Eden

abbiamo lasciato il paradiso

con il linguaggio dei serpenti


CRUCIFIXION OF TIME


if we crucify the word

will it become a body again

to make us feel all the joy

with which God was creating the world

and all the pain

with which he sacrificed his own son

if we crucify the time

will there be someone who will resurrect

to be a space for a whole civilization


CROCIFISSIONE DEL TEMPO


se crocifiggiamo la parola

diventerà di nuovo un corpo

per farci provare tutta la gioia

con cui Dio stava creando il mondo

e tutto il dolore

con cui ha sacrificato il proprio figlio

se crocifiggiamo il tempo

ci sarà qualcuno che risorgerà

per essere sede di un'intera civiltà


RUSSIAN ROULETTE


many years ago

I have sent myself a letter

addressed

in this foggy morning

surprisingly

I had memories about the letter

but

not about what I have written inside

we can now continue

the Russian roulette

between us

now there is the third player

that was missing


ROULETTE RUSSA


Molti anni fa

mi sono inviato una lettera

in questa mattina nebbiosa

sorprendentemente

ricordo la lettera

ma non quello che ci ho scritto

ora possiamo continuare

la roulette russa

tra di noi

ora c'è il terzo giocatore

ch'era assente


La traduzione dal macedone all'inglese è a cura di Daniela Andonovska-Trajkovska

La traduzione dall'inglese in italiano è a cura di Claudia Piccinno


Borce Panov è nato il 27 settembre 1961 a Radovish, nella Repubblica della Macedonia del Nord. Si è laureato al ''Sts. Cyril and Methodius'' Università di Skopje in Macedone e lingue slave meridionali (1986). È membro della “Macedonian Writers’ Association” dal 1998. Ha pubblicato diverse opere in versi e la sua poesia è stata inclusa in numerose antologie e riviste non solo letterarie sia in patria che all'estero e i suoi lavori sono stati tradotti in inglese, ucraino, sloveno, serbo, croato, bulgaro, francese, catalano, mongolo, albanese, rumeno, polacco, e lingua danese. Panov lavora come consigliere per la cultura e l'istruzione presso il comune di Radovish, ed è anche coordinatore artistico per il "Festival internazionale della poesia di Karamanov", che si tiene ogni anno a Radovish.


57 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti