Facebook Cover Photo.png
  • Alessandra Corbetta

Gli inediti di Matteo Piergigli

Matteo Piergigli, con il suo tipico verso breve e le sue strofe condensate, in questa sequenza di inediti ripercorre un legame amoroso sospeso, come spesso accade, tra luce e ombra, tra assenza e presenza; mentre le ore si susseguono con linearità, al pari dei mesi e delle stagioni, non è dato sapere quale corso seguirà la strada, congiunta per un tratto, dei due amanti se le promesse sono già al passato, i nomi divenuti un sussurro e il tempo insieme già un ricordo.


Per consumarci insieme


per consumarci

insieme dopo lunga attesa

ho ritrovato le tracce

all’inizio eravamo io e te

ad imparare il silenzio

che nel nulla c’è tutto


*


la notte sui muri

così esposti nei lividi

ti voglio adesso

senza sole o arcobaleni

dentro gli scomparsi


*


è un gioco

nella cieca luce

promettevi leccata

con lingua morbida

la sera il dolore

della gente

che chiamavi amore


*


preghiere tese

come lenzuola al vento

sopra di te Maggio nel cielo

che raschia il ricordo

scava il nulla mi rifugio

sussurrando il tuo nome



Matteo Piergigli (4 Agosto 1973) è nato a Chiaravalle (An). Si diploma nel 1992, quattro anni di vita militare come ufficiale dell’Esercito e dal 1999 è impiegato tecnico presso un’azienda che gestisce il S.S.I. nella provincia di Ancona. Nel 2015 pubblica Ritagli (Casa Editrice Kimerik), nel 2016 la raccolta Notos a cinque mani (Aletti Editore) e Ritagli 2 (Arduino Sacco Editore). Nel 2016 e 2017 partecipa a due ritiri poetici della Samuele Editore e Laboratori Poesia. Sempre nel 2017 viene inserito nell’antologia Laboratori di poesia – testi 2017 con altri otto autori (Samuele Editore). Nel 2019 pubblica La densità del vuoto (Samuele Editore). Tra il 2015 e il 2020 riceve riconoscimenti e apprezzamenti a diversi premi letterari.


15 visualizzazioni0 commenti