Facebook Cover Photo.png
  • Alessandra Corbetta

Un inedito di Paolo Felli

Gioca tra una concezione alta dell'amore, seguendo la tradizione lirica nelle immagini e nei suoni, e una visione più concreta, inscrivibile nell'attualità; Paolo Felli, in questo inedito, si muove tra elementi della natura e tecnologie telefoniche per dirci che, anche nei dove più diversi, può esserci sempre un tu capace di sorprenderci.


Idillio


Quando più in alto si posa nel cielo

il sole, come al centro del cielo

nascosto e fa cadere sulla terra

un’estatica quiete e la terra

rilascia dell’estate i primi meriggi,

sotto la torre ferrea dei tralicci

che paiono infiniti e vanno via

sotto al bollente palo della via,

sotto al silenzio s’asconde soltanto

il fruscio dei pensieri come il vento

fra le fratte: che bello camminare

sulla via bianca che riflette il sole,

e zittisce i pensieri e compare

d’un tratto sul telefono il tuo nome.


Paolo Felli nasce a Roma nel 2001, per crescere nella provincia della capitale. Si avvicina alla poesia e alla scrittura intorno all’età di diciassette anni, dopo sporadiche prove poetiche precedenti. Ha pubblicato alcune poesie sulla rivista on-line La Recherche, e altre opere sull’antologia Versi Diversi. Mare (Atile, 2021).


39 visualizzazioni0 commenti