Facebook Cover Photo.png
  • Alessandra Corbetta

Gli assaggi di Alma: "Ossa di crita" di Massimo Barilla

Continuano le proposte del nuovo spazio di Alma Poesia "Gli assaggi di Alma": qualche testo estrapolato da raccolte per noi interessanti che verranno recensite, nei mesi successivi, sulle nostre pagine, ma che già a partire da ora, con questa forma, possono sedimentarsi nelle nostre lettrici e nei nostri lettori.


"Gli assaggi di Alma" ospitano oggi Massimo Barilla con il suo Ossa di crita (Mesogea 2020).



non vengo da solo


Non vengo da solo

all’ora di cantare

come un uccello

uscito dalla gabbia


Nessuno viene con me

eppure non sono solo

di fronte alla vita

che a quest’ora e solo a questa

si raccoglie nella mia mano


Sono quello che venne

di notte

nella notte dei tempi,

quello che venne e viene

a piedi da lontano

tra vent’anni e adesso

proprio adesso,

sono quello che non ha riposo


Non sono solo, no

la strada mi conosce

si prende la mia voce

e me la ridà


non vegnu sulu


Non vegnu sulu

a l’ura di cantari

comu ’n’aceddu

nisciutu di la gaggia


Nuddu veni cu mia

e puru non su’ sulu

di facci a la vita

chi a st’ura e sulu a chista

si cogghi ’nta me manu


Sugnu chiddu chi vinni

di notti

all’annu milli,

chiddu chi vinni e veni

a pedi di luntanu

n’atri vint’anni e ora

a stu mumentu,

chiddu chi non ha abbentu


Non sugnu sulu, no

la strata mi canusci

si pigghia la me vuci

e mi la torna


tempo di luna


È tempo di luna

rappresa

dentro un cielo

che sale dal basso

e la voce

che rotta, spezzata

diventa lamento

s’aggruma nell’aria


È tempo di occhi

neri

segnati con mano

potente

d’infame,

perduti lasciati

tra il cielo e la terra


È notte che torna

e non viene

che tesse catene

di seta


tempu di luna


È tempu di luna

squagghiata

dintra ’ncielu

chi veni di sutta

e la vuci

chi rrutta, spizzata

ddiventa lamentu

si cogghi ’nta ll’aria


È tempu di occhi

niri

signati cu manu

puterusa

d’infami,

pirduti dassati

tra u cielu e la terra


È notti chi torna

e non veni

chi tissi catini

di sita


occhi rubati


Gli uomini vanno con passo lento

e hanno occhi rubati alla morte

quando fanno ritorno all’imbrunire


Le mani portano i segni del cuore

sopporta il cuore il peso delle mani

degni compagni d’amore e sventura


Le donne portano il fazzoletto

stretto a scacciare i pensieri

alla messa del primo mattino


Tesa la testa a guardare e a pregare

che si possa nel nodo delle mani

sciogliere il filo di questa vita


occhi rrobbati


L’omini vannu cu passu lentu

e ’ndannu occhi rrobbati a la morti

quandu ricogghiunu cu lu primu scuru


Li mani portanu li singhi du cori

pati lu cori lu pisu di mani

degni cumpagni d’amuri e sbintura


Li fimmini hannu lu muccaturi

strittu a scacciari i pinzeri

a la missa di primu matinu


La testa tisa a vardari e prigari

chi si putissi ’nto ruppu di mani

sciogghìri lu filu di chista vita


Massimo Barilla (Ph. Virginia Monteforte)

Massimo Barilla (Reggio Calabria, 1972), drammaturgo, poeta, sceneggiatore e regista, già direttore del Teatro Siracusa di Reggio Calabria, è responsabile dell’area culturale della Fondazione Horcynus Orca di Messina e dirige Mana Chuma Teatro (Premio della critica 2019), per la quale ha scritto e diretto, tra l’altro, Spine (2003); Di terra e di sangue (2005);’70voltesud (2007); Come un granello di sabbia /Giuseppe Gulotta, storia di un innocente (2016); F-Aìda (2019). Per il cinema ha scritto e diretto il film 26 settembre 1970 / il cielo limpido, ed è autore di soggetto e sceneggiatura del lungometraggio Primula Rossa (2019). Ha pubblicato: Ossa di crita (Mesogea – 2020), raccolta di poesie in dialetto reggino, riprese anche nella guida letteraria Stretto di carta di Dario Tomasello (Il Palindromo -2021); il racconto Tre ombre piccole davanti al mare in AAVV Dentro più dentro dove il mare è mare (Historica – 2021); ampi estratti di due sue drammaturgie in 1990-2020. Le théatre italien en résistance (edition theatrales – Francia 2020). Ha tradotto dal maltese con l’autrice e con Virginia Monteforte il volume di poesie di Elizabeth Grech, Terre sospese (Capire edizioni – 2019). Ha rappresentato l’Italia al Malta Mediterranean Literature Festival 2018.

18 visualizzazioni0 commenti

Post recenti

Mostra tutti